martedì 17 aprile 2018

MY WORLD AWARD 2018







Cari lettori,
oggi vi propongo un nuovo post dedicato ai “Premi ricevuti”, ed in particolare mi riferisco al “My world award 2018”. Sono stata nominata da Alice, autrice del blog "Some books are", che ringrazio e saluto.



Il conferimento “My world award 2018” è nato per conseguire l’intento di farvi conoscere i blogger che amate e seguite. Questa iniziativa è un ottimo espediente per farvi scoprire chi si cela dietro i canali.



REGOLE:


1) Seguire e taggare il blog che ti ha nominato.

2) Rispondere alle sue 10 domande.

3) Nominare a tua volta 10 blogger.

4) Formulare altre 10 domande per i tuoi blogger nominati. Le domande possono essere su vita privata, viaggi, cinema, estetica, musica, serie tv, libri e cibo.

5) Informare i tuoi blogger della nomination.



DOMANDE DI ALICE:


1) Ami il genere horror? Se sì, quale libro o film ti ha spaventata di più nella tua vita?


Sinceramente non lo amo affatto… ho visto e letto pochissimo, quasi niente. Ricordo però di essermi spaventata molto con alcuni spezzoni di Dracula di Bram Stoker...un grande classico per gli amanti del genere!



2) Quale aspetto di un film ti spinge a dichiararlo uno dei tuoi preferiti?

I motivi potrebbero essere tanti, ma sceglierei l’atmosfera complessiva.
Se un film presenta un “mondo” che visiterei volentieri, una storia che risentirei tante volte e dei personaggi che mi sembrano in qualche modo familiari, allora rientra a buon diritto tra i miei preferiti.



3) Se dovessi farti un tatuaggio a tema cinematografico/libroso/musicale, cosa sarebbe? Una citazione oppure un disegno?

Questa domanda è interessante perché circa cinque anni fa ero convinta che mi sarei tatuata...il titolo del mio blog!

Al tempo, però, era solo una frase di una canzone dei Negramaro e di Jovanotti, Cade la pioggia, per me particolarmente importante.

So che è una interpretazione del tutto personale, ma la passione che muore di cui parla la canzone non era per me una relazione.
Al contrario, si trattava dell’amore per le Lettere, la lettura, la cultura.
Al tempo stavo frequentando l’ultimo semestre della Specialistica e cominciavo a rendermi conto che da quell’estate non avrei più seguito lezioni e che dall’inverno successivo avrei dovuto anche salutare l’Università, che per me è stata molto più di un’esperienza di studio. Ero molto triste e sfiduciata, perché pensavo che con il “cambio vita” forzato avrei perso anche buona parte della mia identità.

Così, due anni dopo, ho deciso di dare questo titolo al blog per dimostrare a me stessa e spiegare agli altri che avevo imparato un’importante lezione: un conto è quello che facciamo, un conto è quello che siamo.
Se un tempo esprimevo la mia passione per il mondo letterario/culturale principalmente attraverso il mio percorso di studi, adesso ho dato altri colori a questo mio interesse: il lavoro quando è possibile, le letture, la libera frequentazione di luoghi culturali, i tanti eventi che offre la zona di Milano e ovviamente il blog insieme a tutte le belle persone che ho incontrato qui :-)



4) Quale cibo non riesci proprio a tollerare, che sia per gusto personale oppure per allergie alimentari?


Per quanto riguarda il gusto personale, sicuramente la coca cola e i popcorn. La prima è dolciastra, i secondi per me sono l’equivalente del cotone salato :-(


Non ho allergie, ma ho qualche problema con il latte. Mangio senza problemi burro/formaggi/yogurt e vari latticini, ma se bevo un bicchiere di latte o una tazza di cappuccino...lasciamo perdere!



5) Se potessi vivere in una serie televisiva, quale sarebbe?


Ricollegandomi alla domanda n°2, sceglierei "Il commissario Montalbano".
Amo l’atmosfera della fiction ed anche tanti aspetti dello stile di vita del commissario, dalle mattinate in riva al mare alle serate in solitudine con una buona cena, passando per le poche ma solide amicizie ed i momenti divertenti.

Io mi accontenterei di interpretare Catarella...tanto il talento per inciampare e sbattere contro le porte non mi manca :-)



6) Quale canzone senti particolarmente “tua”, quasi fosse scritta per te?

Ho già risposto in parte nella domanda n°3, ma ci sono due canzoni alle quali spesso faccio riferimento quando penso alla mia crescita e al mio passaggio dalla tardo-adolescenza alla vita adulta.

La prima è Pieces, dei Sum 41:


Ho provato ad essere perfetta, ma non ne è valsa per niente la pena
niente potrebbe essere più sbagliato
e prova a credermi, non è mai stato facile
penso di averlo sempre saputo

Queste parole mi hanno insegnato che non si vive per aderire ad uno schema, per tagliare dei traguardi, per essere “il meglio” secondo i soliti (e stupidi) canoni della società, bensì per essere autentici e soprattutto felici, senza tradire se stessi.


La seconda è Famous last words, dei My Chemical Romance:


Non ho paura di continuare a vivere
non ho paura di camminare in questo mondo da sola
tesoro, se resti, io sarò perdonata
ma niente di quello che puoi dire può fermarmi dall’andare a casa

Questa canzone mi ha invece mostrato l’importanza di allontanare dalla mia vita le persone negative, quelle sempre pronte a giudicarti per delle stupidaggini, quelle che ti fanno sentire come se amarti fosse un’impresa, quelle che ti danno l’impressione di essere in difetto e di dover chiedere perdono… “perdono” per cosa, poi?
Per essere semplicemente quel che si è? Meglio proseguire da soli!



7) Se potessi acquistare un solo libro in questo preciso momento, quale sarebbe quello che vorresti subito leggere ma che ancora non possiedi?

Fai uno squillo quando arrivi”, di Stella Pulpo. Sono una fan del blog dell’autrice, Memorie di una vagina, così irriverente e riflessivo allo stesso tempo.
Tra una lettura e l’altra, però, mi sono persa il romanzo.



8) Come ti rilassi dopo una giornata particolarmente stressante?


Andare a danzare è sempre l’idea migliore.
Però, se non è una serata dedicata al ballo, in genere mi faccio un bagno caldo (doccia in estate), mi cucino qualcosa di buono e guardo la tv con una tisana (gelato in estate).



9) Qual è uno dei tuoi ricordi più felici?


Posso ritenermi fortunata, perché in effetti ne potrei raccontare tanti. Ma alcuni momenti legati ai pochi viaggi che ho fatto mi sono rimasti nel cuore.


Io non sono per niente una viaggiatrice e spesso preferisco rilassarmi nel mio posto preferito al mare.


Tuttavia, alcune volte ripenso a dei bellissimi momenti in cui sono riuscita a sentirmi “a casa” pur essendo da tutt’altra parte, e riassaporo la felicità che al tempo avevo provato.


Ad esempio, alcuni giorni di una vacanza in Spagna di quasi sette anni fa, con mio fratello e tanti amici in un gruppo organizzato, tra un bagno sulla spiaggia di Valencia ed una passeggiata per il centro di Siviglia.

Oppure un giro in macchina con la mia famiglia lungo la Costa Azzurra, con i colori meravigliosi della Corniche de l’Esterel.

O ancora una volta che io e tre mie amiche ci siamo fotografate dal belvedere di Portovenere.



10) C’è il finale di un libro che vorresti riscrivere?


Vorrei parzialmente riscrivere Harry Potter. Eliminerei la morte di Fred (ingiusta ed inutile) e terrei unita la famiglia Weasley.



I 10 BLOGGERS NOMINATI:













LE MIE 10 DOMANDE:


1) C’è un sogno di quando eri bambino/a che sei riuscito a realizzare?

2) Quali cibi sono per te un sinonimo di “felicità”?

3) C’è un posto nel mondo in cui, se ne avessi la possibilità, torneresti anche domani?

4) C’è una canzone che ti fa venir voglia di ballare?

5) Condividi una citazione che ti ispira particolarmente e spiega perché è importante per te.

6) Hai delle “celebrity crushes” (=personaggi famosi per cui hai una cotta)? Quali sono?

7) C’è un ricordo che ti rende particolarmente fiera di te stesso/a?

8) Ti piacerebbe imparare qualcosa che non sai (una lingua, un’abilità pratica…)? Se sì, che cosa?

9) Che lettura consiglieresti a chi vive il lutto di una persona cara?

10) Quale film ti ha fatto ridere fino alle lacrime?





Spero che le mie risposte vi abbiano interessato. Lo scopo di questo TAG era quello di aprirsi maggiormente con i propri lettori, e credo di averlo fatto.

Aspetto le risposte dei “nominati” alle mie domande!
Grazie per la lettura e al prossimo post :-)

30 commenti :

  1. Ciao Silvia.
    Mi piacciono molto questo tipo di post in cui si scopre di più cosa c'è dietro la persona che gestisce il blog.
    Ammiro la tua perseveranza per la danza e ti auguro il meglio.
    Sono daccordo anch'io sulla famiglia Weasley
    Grazie per la nomina <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Susy! Anche a me piace rispondere a questi tag :-)
      Per quanto riguarda la danza, sono felice del tuo supporto, perché quest'anno stiamo preparando uno spettacolo speciale per i 40 anni della scuola e siamo un po' nei casini, ahah :-)
      La Rowling è stata una vera carogna con la famiglia Weasley!

      Elimina
  2. Cara Silvia, congratulazioni per il bel premio ricevuto credo sia meritatissimo!
    Ciao e buon pomeriggio con un forte abbraccio.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tomaso, grazie! Buon pomeriggio anche a te! :-)

      Elimina
  3. Bella la riflessione che si cela dietro al titolo del blog!

    L'Università è impegnativa, ma in effetti la vera sfida è tenere sempre vivo il fuoco della passione per l'arte e per la cultura nel solito tran tran :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sono d'accordo con te ... l'università è un impegno importante e continuo, mentre le esperienze lavorative sono spesso diverse l'una dall'altra. Devo dire che tante volte le mie passioni mi hanno sostenuto tra una difficoltà e l'altra!

      Elimina
  4. Ciao Silvia, complimenti per il premio e grazie mille per la nomina :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Aspetto di leggere le tue risposte allora 😀

      Elimina
  5. Ciao 👋 Silvia grazie per l nomina, presto risponderò alle tue domande!😊 Anch'io ho qualche problema con il latte anche se mangio formaggi e latticini. La coca-cola, invece, l'adoro proprio per il suo sapore dolce! 😁 Catarella fa troppo ridere, è un personaggio divertentissimo. A presto!👋

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Vanessa! Aspetto le tue risposte 😀 Catarella for president!

      Elimina
  6. Che risposte fantastiche, Silvia!
    E mi sono illuminata per la citazione di Sum 41 e My Chemical Romance - quelle canzoni in particolare sono sempre state tra le mie preferite.
    La risposta alla domanda numero 3 è davvero bella per la sua profondità e appoggio totalmente il riportare in vita Fred.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alice! Sono contenta che quelle canzoni ti piacciano... per me sono speciali. Sono contenta che ti sia piaciuta la "storia" di come è nato il mio blog 😀

      Elimina
  7. Ciao Silvia, grazie mille per la nomina! Risponderò nei prossimi giorni alle tue domande che sono belle toste :)
    Mi sono piaciute moltissimo le tue risposte, sei stata davvero brava a raccontare di te con sincerità e spontaneità. Non sempre è facile. Conosco molto bene le canzoni che hai citato e mi ha fatto piacere conoscere i tuoi ricordi felici.
    Anche io non amo la coca. Pensavo di essere l'unica perchè intorno a me ho solo persone che ne vanno pazze in modo incredibile, qundi mi fa piacere che anche a te non piace. Non sono l'unica!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Haters della coca cola uniamoci!! :-) Sono davvero felice che tu abbia apprezzato la mia apertura, vorrà dire che lo faró più spesso!

      Elimina
  8. Grazie di cuore per avermi taggata, sarò felice di rispondere alle tue domande ;)
    Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Cry, non vedo l'ora di leggere la tua versione!

      Elimina
  9. Peccato, sono così belli certi horror :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che ci vuoi fare Pietro...non è il mio genere!

      Elimina
  10. Ciao Silvia, grazie mille per la nomina...mi prenderò qualche giorno di tempo per pensare alle tue interessantissime domande! Comunque hai ragione, la morte di Fred è stata devastante, così come quella di Lupin e Tonks! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Piera! Fai pure con calma :-)
      Le morti di Harry Potter sono quasi tutte terribili, direi!

      Elimina
  11. Ciao!volevo comunicarti che ti ho taggata in un post per un iniziativa molto carina.
    https://ilmondodicry.blogspot.it/2018/04/sharingbooks_19.html?m=1

    RispondiElimina
  12. Mi piacciono le tue risposte :)

    RispondiElimina
  13. Ciao Silvia, grazie per avermi nominata e perdona il ritardo, parteciperò più che volentieri nei prossimi giorni :)
    Mi sono piaciute molto le tue risposte alle domande, è stato bello scoprire qualcosa in più su di te e scoprire che abbiamo alcune cose in comune :)
    PS: Fred NON doveva morireeeee :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Emili! La morte di Fred è stata terribile :-(
      Aspetto il post con le tue risposte!

      Elimina
  14. Ciao Silvia! Belle le tue risposte! Grazie per la nomina, risponderò il prima possibile ^_^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Maria! Sono curiosa di leggere le tue risposte, allora :-)

      Elimina
  15. Ciao silvia! finalmente sono riuscita a rispondere alle domande, mi hanno messa in difficoltà, ma perciò mi sono divertita tantissimo :)
    Ecco il link: https://lperlibro.blogspot.it/2018/05/my-world-award-parte-ii.html

    RispondiElimina